Dott.Lorenzo Martora
Specialista i Dermatologia
e Venereologia

Maneggevolezza e versatilità del Laser Erbium-Yag nel tattamento delle neoformazioni benigne del volto


Dr. Lorenzo Martora – Exedra Dermatology Laser center – Cava de’Tirreni

 

Il Laser ablativo ad erbium (Er:YAG) si è rivelato uno strumento particolarmente valido nella conduzione del rimodellamento cutaneo e per l’ablazione tissutale , che avviene, infatti, con modalità monitorizzabili e sicure. Questa sorgente laser produce una radiazione infrarossa di lunghezza d’onda pari a 2940 nm che presenta un’affinità elettiva per l’acqua dei tessuti , superiore di 13 volte a quella del laser CO2.

Nella gestione, soprattutto, delle neoformazioni benigne del volto, il Laser ad Erbium ha rappresentato un'innovazione notevole in quanto ha permesso di realizzare miglioramenti, prima impensabili, con riduzione dell’eritema post-trattamento e di tutta una serie di effetti collaterali molto evidenti con il Laser CO2 e con metodiche tradizionali chirurgiche.

Le proprieta del laser erbium che ne fanno uno strumento d’elezione per l’ablazione cutanea controllata derivano principalmente dal fatto che,l’acqua ha un picco di assorbimento intorno ai 3000 nm ed un ottimo assorbimento in tutto l’infrarosso. Il laser ad Erbium ha un range di emissione intorno ai 3nm ( 2,94 mm ) che coincide esattamente con il picco di assorbimento dell’acqua. Questo fa si che l’emissione laser Erbium, per l’elevata affinità con l’acqua tissutale, possieda una ZTN ( Zone of Thermal Necrosis) sempre molto piccola e fissa indipendentemente dai passaggi effettuati. L’energia fluente viene ceduta all’acqua e dissipata in vapore acqueo. La maggior quota energetica è rilasciata entro la fase di vaporizzazione tissutale e i frammenti ablati espulsi trasportano con sé la maggior energia fotonica , lasciandone una quota minima in grado di danneggiare i tessuti circostanti. La chiave di un’asportazione netta con minimi danni termici ai tessuti adiacenti, infatti, consiste nell’ablare il tessuto più velocemente di quanto il calore possa essere trasmesso ai tessuti adiacenti.

L’assenza di carbonizzazione delle superfici trattate permette di valutare visivamente il grado di profondità raggiunto. Le guarigioni sono rapide (10-15 gg), l’eritema è normalmente presente soltanto per circa un mese. Il rischio di pigmentazioni irregolari e/o esiti cicatriziali è molto bass.E’ buona norma, comunque, evitare di effettuare tali interventi in concomitanza con l’esposizione al sole.

 

Nella casistica riportata di seguito presentiamo diversi casi trattati con ablazione mediante ERBIUM –Yag di lesioni cutanee benigne difficilmente aggredibili con metodiche tradizionali e/o chirurgiche soprattutto con minimo decorso post-operatorio e quasi totale assenza di esiti cicatriziali.

Parametri utilizzati : spot 3, modalità VSP ( very short pulse) con passaggio finale LP (long pulse) , fluence 400-500 mJ/cm2, frequenza 4-6 Hz

 

 

DERMATOLOGO LORENZO MARTORA | 18, Via C. Biagi - 84013 Cava De' Tirreni (SA) - Italia | P.I. 01702540657 | Tel. +39 081 910704   - Cell. +39 347 1114494 | lorenzomartora@libero.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy